Castell’Azzara è un paesino che sorge alle pendici del Monte Amiata, nei territori centro-meridionali della Maremma, si tratta di un comune della provincia di Grosseto, città dalla quale dista circa 80km, collocandosi nei territori meridionali della regione Toscana.

Il Comune di Castell’Azzara conta circa 1.700 abitanti e si sviluppa su una superficie di 64,75 km², fa parte dell’amministrazione comunale la frazione di Selvena, il comune confina con Semproniano, Sorano e Santa Fiora, sotto la provincia di Grosseto, Piancastagnaio, sotto la provincia di Siena e Proceno, in provincia di Viterbo.

Per quanto riguarda la storia, la nascita del paese si ha fra l’anno mille ed il 1100, inizialmente la città fu un possedimento della nobile famiglia degli Aldobrandeschi, fra la fine del XIII e l’inizio del XIV secolo, la città passò sotto il controllo della famiglia Baschi di Orvieto, per poi tornare nuovamente agli Aldobrandeschi, divenendo parte della Contea di Santa Fiora, intorno al 1440 la città divenne un dominio degli Sforza, passà poi, nel 1600 sotto il controllo del Granducato di Toscana.

DA NON PERDERE

Castell’Azzara è un paesino che sorge alle pendici del Monte Amiata, nei territori centro-meridionali della Maremma, si tratta di un comune della provincia di Grosseto, città dalla quale dista circa 80km, collocandosi nei territori meridionali della regione Toscana.

Il Comune di Castell’Azzara conta circa 1.700 abitanti e si sviluppa su una superficie di 64,75 km², fa parte dell’amministrazione comunale la frazione di Selvena, il comune confina con Semproniano, Sorano e Santa Fiora, sotto la provincia di Grosseto, Piancastagnaio, sotto la provincia di Siena e Proceno, in provincia di Viterbo.

Per quanto riguarda la storia, la nascita del paese si ha fra l’anno mille ed il 1100, inizialmente la città fu un possedimento della nobile famiglia degli Aldobrandeschi, fra la fine del XIII e l’inizio del XIV secolo, la città passò sotto il controllo della famiglia Baschi di Orvieto, per poi tornare nuovamente agli Aldobrandeschi, divenendo parte della Contea di Santa Fiora, intorno al 1440 la città divenne un dominio degli Sforza, passà poi, nel 1600 sotto il controllo del Granducato di Toscana.

PRENOTA ORA

DA NON PERDERE

ATTRAZIONI

EVENTI